Dal deserto alla danza

(Note sul progetto del deserto…fotografie in anteprima)

Questa “arte percettiva” fa si che l’osservatore sia toccato nella coscienza in modo nuovo. Dal punto di vista estetico lo sguardo e ‘ catturato, ma e’ anche possibile l insegnamento di una nuova ‘lettura visuale’ per entrare  nello spazio poetico interiore, come fossero spazi veri di materia. Ciò pone l’osservatore a confronto con il suo mondo poetico interiore e lo porta ad attivare tutti i sensi, per penetrare sempre di più negli spazi dell’immaginazione, nello spazio delle parole profondo, in un processo contemplativo .

L’opera crea così uno spazio e manipola il  ruolo dello spettatore in questo spazio nuovo creato.

L’immaterialialita della luce del deserto e’ ora dilagante e si fa pioniera nell illuminare tutto ciò che non vedevamo.

Un appello emotivo,la ricerca pittorica dell’effetto naturale della luce, per mostrare la verità spirituale. ..

Il deserto porta dentro, ad ascoltare, vedere ,osservare il nostro deserto,ci invita ad entrare nel più difficile dei terreni da attraversare,il vuoto…ció che vediamo fa parte di noi.

Senza riferimenti,ci muoviamo verso il nuovo,li ci sono tutti gli elementi ,e’ il grembo materno…

Nasciamo a noi stessi.

Li e’ necessario muovere noi stessi per essere in grado di prendere decisioni responsabili e poter arrivare all’esperienza di vita (nel senso di un movimento nello spazio o di un movimento sensuale emotivo). Sembra che la coscienza  non possa essere acquisita con altri mezzi, ma solo se l’anima si mette in moto ed è pronta a camminare attraverso il trauma del vuoto con i sensi del corpo. È l’unico modo per crescere. In questo senso, la “guarigione” è il passaggio mediante una catena di azioni nell’esperienza di sé nel profondo silenzio,al di là di uno sguardo limitato della realtà,delle apparizioni.

Attraverso il deserto,il vuoto,prendere coscienza di un nuovo se’,una nuova pelle con la quale danzare.Un passaggio del tempo rallentato e velocizzato dove si danzano spazi di eternità .

Camminare nel deserto e incontrare il Se’,diventando consapevoli della “verità” (Sat),vedendo l’illusione e lasciando emergere la pura danza. Quello che sembra essere doloroso,anche il passaggio dal deserto,e’ un inevitabile transizione per la trasformazione e l’evoluzione della nostra vita.

Bolivia,Deserto di Dalí,Febbraio 2019

4AEAB106-79F0-4016-AA0E-E90D8DCFB98F5F006CE0-EE07-426D-8D83-7EC148964B32

The Spirituality of the the creative process. Expression into forms. Seeing the Silence.

The expression of the artist is immediate and embedded in the forms in physical pattern. Empathy is established in the structural forms, as a place, where two different spheres, the mental and the senses, meet.  The creative process originates from the artist’s unconscious mirroring his impulses of creations. The artist’s personal motives are reported into the canvas like a personal investigation into his own unconscious, his existence, possessed by the status of creativity.

The forms are permeated of his instincts, establishing, as it occurs in the dream language, a statement of figures of speech that can be understood in relation of meaning.Therefore, the artist’s intuition is to be privileged and his tracks and signs left on the canvas could be seen as, in terms of  Lacanian archetypes, the basic instincts and desires that he wishes to satisfied .

Some forms, signs and gestures can show the ambiguity of the state of anxiety of the artist and recall destructive powers. For example, this is visible in fragmented forms that convey a sense of disorientation and loss in the viewer, reflecting the artist’s state of ‘anguish of fragmentation’, to which Freud refers as a state of emptiness, lost of identity, and boundaries of the self, accompanied with a desperation for the perception of the loss of space and time. Therefore, forms can cause disorientation, the same that the artist might have felt, and at the same time, other shapes, movements, sounds, that appear more stable solution can convey a new awareness, a rebirth that affirms in its shape, imprinted with human delicacy and at the same time divine supremacy.

Again, a duality can coexists in one form yet confers the feeling of a divine and peaceful presence that seems to win over the human. Chaos, desperation, death, destruction where our eyes quickly moves from in search of a new, simple, order, stable, still, form.In fact,the eyes are directed toward tidiness and order and simplicity, regular,  and more linear shapes.

The observer is disoriented in order to be re-oriented in a new ‘life’. It is like a vision, yet we enter in a separated dimension, where all one-can breath is pain. We come to, gradually, experiencing all the shapes, in a crescendo of emotions that always more detaches us form the external world; an internal journey toward consciousness. Shapes and color help to convey this feeling. The perception of the artist’s “inner necessity” lead in a path of sufferance, that we make experience of through the study of the forms, for a final release and birth of new awareness in the viewer.

The exploration of the mystical capacity of the image, the healing path in which the artist guides us, however, also seem to detain the iconic value in it. In fact, the artist seems to express in a single work of art, sublime, iconic, and mystical elements. In fact,the artwork, or the movements of the performer himself, not only becomes a place where his experience is present and perceivable, yet where also the viewer experiences the mystical revelation of the artist’s invitation to live in, for example, the sharpening, blurred, distortions, screams, curves put in scene and be disoriented in the light of new vision he is proposing.

The destructive and vital forces that can permeate a work of art or a performance, suggest, in the creative act itself, the artist’s quest for a new awareness toward life, a new oriented existence born from the experience of suffering .We are removed from reality, in a silence that affirms itself and its drama through its contrary, the rumor of destruction, the noise of loss and death. In this act the artist seems to establish an appropriate ground to allow the listening of every individual existence.

Silence becomes the highest place of being. The existence in silence is also confirmed by the denial that the artist affirming with his worlds about the value of his art, confirming one more time how only silence makes things alive, while words destroy. Maybe art sometime can embody internal struggle; but in the experience of suffering the artist shows how to find release, through denial to find truth, in death rebirth. This emphatic way of feel, will open the door for a sincere experience of the forms, accompanied by a moment of ‘resolution’, ‘healing’, that will occur inside us. What it is left to us? Have we sensed the artist’s sentiment or nothing changed in us? If this reasoning finds the right applicability, our experience of all the elements present in the image will have opened a ultra sensory dimension in which, trusting our eyes, the forms freed from the preconception in their reading, will guide us in a path of liberation trough sufferance, escape, fallacy, and victory.

A ‘devotional attitude’ toward ‘the image’,’the space’ created, is needed and will imply a movement toward it and beyond ourselves, to live the world of sentiments that the image detain. In this concern, the “transcendence” of the image allowed by a new ‘dialectic’ based on imagination,welcomes a “divine intuition” where the creative process itself becomes the mean, the ‘visual space’ to make experience of the disorientation, loss, pain in the ‘non reflexing’, ‘non distinction’ between us and the work of art, and where eventually, we are brought to ask for the revelation of the divine.

 

 

 

 

 

 

 

Caos ,forma e creazione

Fango.
Liberazione delle emozioni nel copro e con il corpo,nello spazio.
Tutto e’ espressione
sulla tela.
Il corpo diventa materia e simbolo
E anche il colore; alienazione e frammentazione. Ogni forma si dissolve e frantuma nel ritmo caotico,auto rappresentando la realtà così com’è.
Liberazione degli istinti.
(Femmina. Shakti)
Destrutturazione del Normale.

(Azione. Maschile. Shiva) . Nascita di qualcosa di nuovo . Energia creativa.

Stato di assoluta e cosmica Unione dove le forze vitali penetrano anima,corpo e cuore.

Percezione di un vuoto sterile,prima,che poi diviene fertile. Quel vuoto che dove si crea il ciclo di nascita e morte,nascita e morte.

Resurrezione .

Quel contrasto,quella luce che solo il deserto può dare,che risveglia il mistero dell’esistenza,smaschera la morale,trasforma il cammello in leone e poi,infine, in bambino. Qui avviene la nascita della
Libertà ,forse,della possibilità,forse,nella sincronicita’ di Dio,se la si vede.

Non importa più lo sguardo,ne le parole,ormai,dopo esserci immersi nelle acque scure e aver attraversato i deserti,insieme,con chi ne e’ testimone,seppur privato di identità,’siamo’ e ‘vogliamo’ , con lo spirito di un leone,rinascere,bambini. Forse solo accogliendo veramente,eliminando la separazione tra noi e la creazione,come Shakti,distruttrice,che si manifesta sulla terra,frammentata nella forma,seppur nella delusione di ciò che e’,potremo concederci la possibilità di dare forma al caos.
Bramosia e accoglienza .
Caos e forma.

Tutto e ‘ stato creato da un
centro,fermo.

ROME ART WEEK 2018

Open Studio & Performance

ciclo di lavori

‘Primamateria’

Artista performer Giovanna de Giglio (Luce)

22 – 24 Ottobre · h16/22

Associazione Culturale ‘Infunzione’ ·

(Via di Pietralata 157 ·  Roma)

 

Performance ed eventi in programma della settimana di Art Week: 

 

                      -Primamateria – ‘Viscerale’

 

Martedì 23 Ottobre  \  20.30

IMG_1502 (1)

 

PROGRAMMA:

Giovanna de Giglio, in arte ‘Luce’, aprirà’ come ‘open studio’ in occasione di @artweekrome2018 nel magnifico luogo, o ‘non luogo’,ampio, industriale e in puro stile berlinese di Sébastien André , ‘InFunzione’ 22-23 e 24 ottobre dalle ore 16 alle 22.

PERFORMANCE E TECNICA:

Martedì 23 alle 20.30 si terrà’ -Primamateria-‘Viscerale’ , performance di 30 minuti circa appartenente al ciclo ‘Primamateria’, dove l’artista si muoverà a contatto con la terra, in orizzontale, coinvolgendo tutto il corpo in una danza di materiali e pratiche differenti fino ad arrivare alla verticalità emozionale.

Il coinvolgimento di differenti pratiche come il pranayama,Sattva yoga,Kundalini,tantra,danza Butoh,danza Cinque Ritmi e movimento libero nella sua pratica artistica,che coinvolgono un uso consapevole del respiro che a sua volta muove il corpo in modo fluido e spontaneo tramite la danza (diventando colore e segno sulla tela).Questo è propedeutico per una trasformazione esistenziale che avviene di fronte allo spettatore durante il processo creativo, il quale fa da specchio alla condizione interna dell’artista performer e ne diventa opportunità di guarigione.

Il suo lavoro diventa un viaggio spirituale dove “l’altro”, non solo assiste al flusso di trasformazione tramite le domande esistenziali che l’artista mette in scena e incarna, ma diventa parte integrante di questo rituale sacro. Quando l’artista apre le proprie viscere davanti al pubblico, sa di prendere il rischio di poter essere vista, sia con uno sguardo accogliente e incondizionato, sia con un occhio giudicante e proto al rifiuto. E’ un atto di autoaffermazione in cui Giovanna, Luce,sembra dire “io esisto” da sola, “qui ci sono le mie impronte ,così come sono”.

(arrivare 10 minuti prima)
-non adatto ai bambini-

fb link : https://www.facebook.com/events/256703371716528/

 

 

 

    –Primamateria-  ‘Dioniso. Disintegratore e guaritore’

 

Mercoledi 24 ottobre  \    20.30

IMG_1462

PROGRAMMA :

In occasione di Romeartweek, Giovanna de Giglio (in arte Luce) nella terza giornata del noto evento di arte contemporanea organizzato a Roma (mercoledì 24),esporrà le sue opere (open studio dalle 16) eseguite con le sue performance (integrando più pratiche,dalla meditazione himalayana,al movimento libero,dalla danza 5 Ritmi,alla Butoh e body art).
La performance live inspirata a Diniso inizierà alle 20.30 di mercoledì 24 e sarà accompagnata e seguita da una degustazione non convenzionale di vini dell’azienda Etruscaia.

 

PERFORMANCE :

-Primamateria- ‘Dioniso. Disintegratore e guaritore’

  

(*performance dionisiaca e degustazione non convenzionale e sensoriale di vino)

Performance dionisiaca,richiamo all’archetipo di Dioniso,dio del piacere e dell’estasi, ma anche del disordine e della mancanza di misura. Durante la performance, l’artista si immergerà completamente nel processo, senza alcuna remora, diventando tutt’uno con il colore e i movimenti, esplorando i confini del suo corpo che si fondono nella ‘prima materia’, caos, magma, per poi ritrovare una definizione, una propria vita nello spazio creato dalla separazione degli opposti, in quel vuoto dove invita lo spettatore a riconoscersi ed entrare e dove lei nel frattempo si muove. Attraversando morte e rinascita,facendo assistere allo spettatore all’estasi,alle illusioni,al pentimento e al ritorno e al suo ‘ritorno’,l’intenzione dell’artista è quella di,anche tramite il ‘viaggio’ di assaggio sensoriale e simbolico del vino, di invitare aduna maggiore presenza consapevole nel corpo nel ‘qui ed ora’ . Il richiamo alla sua parte dionisiaca celata ,entrando in confidenza con le sue memorie ed ombre,è un’invito anche per chi osserva ,così da permettere al mito di prendere forma.

Infatti,rendere manifesto Dioniso,archetipo dell’eccesso, ma anche del sublime e dell’estasi,degli istinti e degli impulsi,della creatività, della distruzione e della resurrezione, della Grande Madre,della frammentazione e del caos e di Shakty,permetterà a Luce infine al raggiungimento della creazione di un ‘nuovo ordine’ e di una profonda trasformazione e per ‘il ritorno’ ad un luogo fertile per l’incontro con l’altro.

Il richiamo a questa parte,della ‘prima materia’ più sconvolgente, più animale, embrionale,indomabile e insaziabile, prende forma nei movimenti che l’artista mette in scena, nel corpo ‘disgregato’, ’frammentato’ in gesti ,forme e colori che non si tengono più insieme ma ,in mille pezzi ,si manifestano ,per poi essere visti con l’occhio della Colpa e Delusione, in questo caso dell’artista nei confronti della creazione.

L’artista danza le onde dell’estasi, entrando sempre di più in una consapevolezza emozionale, non però senza il conseguente disgusto senso di rifiuto, accettando l’inevitabile piacere e dolore, permettendo che gli opposti collaborino in un nuovo stato di apertura del cuore.

 

DEGUSTAZIONE :

olfatto,vista,tatto,udito,gusto
(unica regola –>combattere la facilità d’uso)
Nella parte successiva della serata, quella dedicata all’incontro con il vino, la degustazione vuole diventare un’esplorazione e un invito alla nostra intimità e visione del in uno stato di presenza del corpo ‘dilatato’ e presente.
L’azienda vitivinicola Etruscaia (situata nella magica Etruria) offrirà le i suoi tranci, la sua terra e i suoi vini per questa esperienza edonistica di corpo e memorie.

Così come l’artista durante la performance accederà a quelli stati, attraverso il richiamo della sua natura più profonda, dove l’Ego smette di dominare, e gli istinti si risvegliano e un’esistenza più autentica viene scoperta tramite il contrasto con la morte e integrata con le ‘ombre’ per poi purificarsi, così il vino fa dentro di noi un viaggio creando una catarsi, una trasformazione, richiamando ritualmente Iakchos, dio portatore della fiaccola nei misteri notturni, il fuoco sacro della nostra creatività ,eliminando le barriere tra principio creativo e noi stessi ,creando dal caos dell’iniziale follia e delirio ed eccesso di Dioniso, un nuovo ordine di cose…

Il vino diventa dio,si chiamato Bacco,Dioniso. Dunque, riprendendo il mito,il bere comune diventa un atto sacrale,una ricerca di una divina armonia con l’universo, il tentativo di abolire le differenze fra animale e uomo e fra uomo e dio. Tappa forzata, però, e straziante, è l’annullamento dei contrari: la maschera costituisce l’arché e il tèlos, il “principio” e il “fine”, di questo cammino di misteriosa trasformazione; e lo sguardo inquietante delle sue orbite vuote apre l’adepto a prospettive oscure e luminose, comunque sovrumane…

 

fb link : https://www.facebook.com/events/243067973027284/

Per info : 3938327023
giovannadegiglio91@gmail.com

luceartstudio.com